Intervista a Patrizia Elli, Country Director di Bilendi

Cosa significa per voi partecipare all’Assirm Marketing Research Forum Live 2021?

Bilendi Italia (precedentemente Via!) è da 15 anni presente e attiva nel mercato italiano, da 20 anni nel mercato francese e da allora è cresciuta sempre in modo organico e/o per acquisizioni. Siamo stati il primo panel provider ad entrare in Assirm, a dimostrazione della nostra determinazione ad essere fra i protagonisti del settore delle ricerche di marketing. Per questo non possiamo mai mancare a questo evento che raggruppa i principali player del mercato, competitor e clienti. E, soprattutto, anche quest’anno abbiamo qualcosa di nuovo da raccontare. Quale migliore occasione per raggiungere i nostri clienti – e i clienti dei nostri clienti? Esserci per noi, significa dimostrare sempre che qualità e innovazione fanno parte del nostro DNA.

Il MRF21 è stato denominato Il Forum della Conoscenza: nell’ambito dei Servizi di Ricerca e Consulenza che peso ha questo concetto per la vostra azienda?

Italia, spesso fanalino di coda – eppure sempre osservata – spesso invidiata, citata a esempio per la lotta alla pandemia. Nell’ultimo anno finalmente orgogliosa dei successi ottenuti in molti campi – sportivi, canori, culturali – e alla ricerca di una nuova unità. Italia, ora anche con le carte apparentemente in regola per crescere e tornare ai livelli pre-covid e – necessariamente – migliori. Nelle persone e nelle aziende c’è la voglia di credere ancora nel futuro e la necessità di anticiparlo.

Ecco perché le aziende che si (ri)svegliano hanno bisogno di proporre innovazioni adatte a questo nuovo sentire.  Utili, sostenibili, “salubri”.  E non lo si può fare alla cieca.

Hanno bisogno di strumenti che permettano loro di comprendere in che modo sono cambiati atteggiamenti, comportamenti, opinioni e consumi dei propri clienti.

E hanno bisogno di informazioni certe, affidabili e veloci, in tempo reale. “Time flies”

E il MRF21 va nella direzione della conoscenza, fondamentale per prendere decisioni.

Bilendi a sua volta non ha mai smesso di ricercare e mettere a punto strumenti da offrire ai propri clienti. Presenterà all’Assirmforum un metodo innovativo di raccolta delle informazioni – Bilendi Discuss – che racchiude tutte le caratteristiche adatte alle attuali necessità delle aziende – pur offrendo al rispondente un’esperienza divertente e coinvolgente – per ottenere risposte più dettagliate e sincere, “Real-life” e “interaction friendly”.

Siamo convinti, più che mai, che qualità e innovazione siano asset fondamentali per tutte le aziende. 

Quali saranno le novità, oppure il prodotto o il servizio, che presenterete al Forum tramite lo stand digitale?

“Bilendi Discuss” è una piattaforma multicanale di conversazione e di analisi che permette di analizzare feedback e aspettative dei consumatori in tempo reale, attivando conversazioni personalizzate – ma in conformità al GDPR – su applicazioni di messaggistica come Whatsapp, Messenger, Slack ed e-mail, offrendo un’esperienza unica. Audio, foto, video, conversazioni: tutti i contenuti raccolti vengono analizzati automaticamente in tempo reale dal nostro motore AI e resi accessibili attraverso a una dashboard personalizzata

Quali saranno i topic del vostro workshop e il messaggio che desiderate lanciare alla platea?

Due anni fa, con la nostra ricerca autoprodotta relativamente agli “acquisti onlife” in 4 Paesi Europei, mettevamo l’accento, in modo chiaro, sulla necessità di sostenibilità emersa nella ricerca, ora diventata tra gli elementi identitari di brand equity più “aspirazionali” per le aziende. Oggi raccontiamo un metodo di raccolta davvero innovativo che parla alla necessità delle aziende – dopo 2 anni di pandemia – di aver risposte in tempo reale, perché il futuro arriva più velocemente di un tempo.

La nostra aspirazione è quella di offrire ai clienti nuovi modi, più sicuri e coinvolgenti, di ottenere le informazioni necessarie dal proprio consumatore. Di individuare i sentimenti che abbiamo dovuto ospitare durante la pandemia, anche se indesiderati, ma anche gli insegnamenti che ci stanno accompagnando verso quello che – comunque sarà – sarà futuro.