La parola agli sponsor

Ipsos

C’è voglia di ripresa, il paese è pronto

Le ricerche di mercato se fatte con gli strumenti adeguati possono contribuire alla crescita delle PMI sia nel breve che ne lungo periodo: ce lo spiega Andrea Alemanno, Group Director Ipsos Public Affairs.

Quest’anno il Marketing Research Forum pone l’accento sul binomio Conoscenza / Competitività delle aziende. In che modo la conoscenza fornita dalle ricerche di mercato può contribuire al miglioramento del business aziendale?

La conoscenza aiuta sempre. Bisogna però comprendere che un coacervo di informazioni non sono “conoscenza”: la differenza risiede nella qualità delle informazioni, nella loro corretta organizzazione, e nella capacità di trasformarle in effettiva conoscenza. Questo è quello che può dare una ricerca di mercato ben fatta: strumenti giusti e affidabili per prendere decisioni sia immediate, sia di lungo periodo.

Il tessuto industriale italiano è caratterizzato in buona parte dalle PMI. In che modo la ricerca di mercato può contribuire alla riduzione della complessità di una realtà in costante mutamento? E ancora, può la ricerca diminuire le asimmetrie informative incentivando la crescita e lo sviluppo delle piccole e medie imprese nel lungo periodo?

Le PMI conoscono i loro clienti e il loro mercato. Oggi. Il mondo però evolve continuamente e sempre più spesso la velocità di cambiamento delle esigenze dei clienti supera la capacità dell’azienda, specie se medio piccola, di stare al passo con i tempi. Industria 4.0 e delle ricerche di mercato volte a comprendere le frontiere delle esigenze dei clienti e le possibili nuove opportunità di mercato non solo possono ridurre le asimmetrie informative, ma persino favorire le PMI se consideriamo la loro maggiore capacità di adattarsi.

Siete una tra le più longeve aziende che si occupano di ricerca di mercato, grazie al vostro punto di vista privilegiato potete prevedere le potenzialità dei mercati e i loro futuri andamenti; a questo proposito, anche in base al vostro ultimo studio Flair, qual è lo stato del mercato italiano? Esiste la possibilità di una ripresa?

Esiste una forte domanda compressa di consumo e c’è molta voglia di decomprimerla. Permangono alcuni elementi che frenano una nuova forte ripresa dei consumi, sia legati al clima economico, sia legati a due pesanti disallineamenti: la condizione giovanile, che immobilizza la parte più dinamica del Paese, e il crescente divario tra Nord e Sud, dove è più difficile intercettare la ripresa. Nessuno riesce a correre troppo bene con un piede dolorante.