La parola agli sponsor

Nextplora

 

Al servizio della conoscenza, tra analogico e digitale

Per Andrea Giovenali, CEO di Nextplora, l’investimento nella ricerca di mercato digitale porta migliori risultati in termini di azionabilità e produttività

Quest’anno il Marketing Research Forum pone l’accento sul binomio Conoscenza / Competitività delle aziende. In che modo la conoscenza fornita dalle ricerche di mercato può contribuire al miglioramento del business aziendale?

L’investimento nella conoscenza dei mercati in cui si opera è nel mondo attuale il più importante ingrediente per la creazione di valore economico di un’azienda. Le stesse Ricerca & Sviluppo industriali possono trarre maggiori ritorni se alla base vi è un indirizzo fornito dalla comprensione dei bisogni delle persone a cui i nuovi prodotti saranno destinati. Altrettanto l’importanza di disporre di un cruscotto in tempo reale di informazioni a riguardo di quali risultati gli investimenti di marketing di un’azienda stanno conseguendo.

Il tessuto industriale italiano è caratterizzato in buona parte dalle PMI. In che modo la ricerca di mercato può contribuire alla riduzione della complessità di una realtà in costante mutamento? E ancora, può la ricerca diminuire le asimmetrie informative incentivando la crescita e lo sviluppo delle piccole e medie imprese nel lungo periodo?

L’eccellenza italiana si confronta ormai da qualche anno con mercati più complessi, estesi e mutevoli rispetto al passato. L’istinto e l’intuizione caratteristici del nostro tessuto e valore industriale possono essere ri-potenziati da più informazioni tempestive e azionabili in tutte le fasi dello sviluppo: dalla progettazione, alla verifica e implementazione dei prodotti, all’impiego e verifica di investimenti di marketing. Conoscere il potenziale della propria offerta aiuta anche la forza vendita di un’azienda a vendere meglio e al maggior numero di clienti. 

Per un’azienda come Nextplora che si occupa di ricerche di mercato in campo digital, il punto di vista sui nuovi consumatori è certamente privilegiato. In che cosa si distingue questo nuovo consumatore dal vecchio consumatore “analogico”?

Per Nextplora non c’è alcuna differenza tra analogico e digitale perché esiste un “continuum” tra questi due mondi. Per comunicare le aziende oggi impiegano il digitale e il social, quindi è necessario prima di tutto conoscere i comportamenti dei clienti in questi contesti. Una quota rilevante del tempo lavorativo e personale di ciascuno di noi è trascorso “in connessione” digitale, e molte delle valutazioni e decisioni di acquisto che facciamo nei punti vendita avviene e si formano prima online. Analizzare e ingaggiare le persone per fini di conoscenza è il nostro mestiere da 18 anni, e farlo con e nel digitale rende l’investimento in ricerca di mercato per un’azienda molto produttivo e azionabile.